pixel code

Cessione e sconto in fattura, per quali Bonus Casa 2022?

Cessione e sconto in fattura, per quali Bonus Casa 2022?

Cessione e sconto in fattura, per quali Bonus Casa 2022?

Nel 2022 molti Bonus Casa continuano ad essere fruibili attraverso le modalità alternative alla detrazione fiscale, cioè la cessione del credito e lo sconto immediato in fattura.

Ecco quali sono.

Anche quest’anno lo Stato permette ai contribuenti di godere di specifiche agevolazioni per interventi di varia natura effettuati su immobili di proprietà.

Per chi decide di beneficiare dei Bonus Casa attraverso la classica detrazione fiscale il risparmio è garantito, ma i tempi utili per recuperare le spese sostenute per eseguire i lavori sono piuttosto lunghi.

Infatti lo sconto IRPEF viene distribuito nell’arco di 5 o 10 anni in base al tipo di agevolazione, in rate di pari importo.

Già dallo scorso anno però qualcosa è cambiato, ed è possibile ottenere molti incentivi in modo immediato, grazie allo sconto diretto in fattura al momento dell’acquisto o alla cessione del credito.

Allora andiamo a vedere l’elenco completo dei Bonus casa 2022 per i quali è consentito optare per le modalità alternative alla detrazione fiscale.

1.Superbonus 110%, la maxi agevolazione delle spese sostenute per gli interventi di conferimento di una maggiore efficienza e riduzione del rischio sismico destinati a condomini, istituti delle case popolari e, nel caso di lavori eseguiti sui singoli appartamenti, persone fisiche fuori dall’esercizio di attività di impresa.

2.Bonus ristrutturazioni, la detrazione del 50% su un massimo di 96.000 euro per le spese legate a lavori di manutenzione ordinaria (su parti comuni di edifici condominiali), manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia.

3.Bonus fotovoltaico, lo sconto del 50% per gli interventi di installazione di impianti fotovoltaici indicati nell'art. 16-bis, c. 1, lett. h) D.P.R. n. 917/1986, TUIR).

4.Ecobonus cosiddetto "ordinario", per lavori di efficienza energetica indicati nell'articolo 14 del D.L. n. 63/2013, come: interventi di sostituzione degli impianti di riscaldamento o delle finestre comprensive di infissi, interventi sulle strutture o sull’involucro degli edifici, interventi finalizzati alla riduzione del rischio sismico.

5.Sismabonus cosiddetto “ordinario”, per gli interventi di adozione di misure antisismiche di cui all'art. 16, D.L. n. 63/2013.

6.Bonus facciate, l’agevolazione per interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti, che potrà essere utilizzato solo fino al 31 dicembre di quest’anno e con una percentuale di sconto inferiore rispetto al 2021. Infatti per il 2022 l’aliquota è passata dal 90% al 60%.

7.Bonus barriere architettoniche, la nuova detrazione del 75% per la realizzazione degli interventi volti al superamento e all'eliminazione di barriere architettoniche in edifici già esistenti, realizzati entro il 31 dicembre 2022.

8.Infine, dal 1° gennaio lo sconto in fattura e la cessione del credito sono disponibili anche per la detrazione del 50% per la realizzazione di box auto pertinenziali.

Precisiamo che le opzioni dello sconto in fattura e della cessione del credito valgono per le spese sostenute:

  • fino al 31 dicembre 2025 nell’ambito del Superbonus 110%;

  • fino al 31 dicembre 2022 per Bonus barriere architettoniche e Bonus facciate;

  • nel 2022, nel 2023 e nel 2024 per tutti gli altri bonus edilizi che abbiamo elencato.

Resta informato sulle ultime novità dal mondo immobiliare seguendo il blog dell’Agenzia Sogno Casa Immobiliare anche sulla nostra pagina Facebook e contattaci se stai progettando la vendita o l'acquisto della tua abitazione.

Saremo lieti di esserti d’aiuto!

A presto con altre notizie!

 
©2019 SOGNO CASA di SALVINI MANUELA MARIA CLARA e C. S.A.S. - P.IVA 01292130117
Ruolo Agenti 514 - Iscrizione Società 695