pixel code

Bonus Prima Casa, sospesi i termini fino a Dicembre 2021.

Bonus Prima Casa, sospesi i termini fino a Dicembre 2021.

Bonus Prima Casa, sospesi i termini fino a Dicembre 2021.

Il Decreto Milleproroghe ha apportato delle novità che riguardano la sospensione dei termini per il Bonus prima casa: vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

Il Bonus prima casa è un incentivo che consente di ottenere particolari agevolazioni fiscali per l’acquisto di un immobile come abitazione principale.

Come abbiamo approfondito nel nostro articolo dedicato, il beneficio permette di pagare l’IVA, l’imposta di registro, l’imposta ipotecaria e catastale in misura ridotta rispetto al regime ordinario in presenza di particolari requisiti.

L’emergenza epidemiologica da Covid-19 nell’ultimo anno ha reso più difficoltosi la vendita e l’acquisto di immobili, per questo il Governo ad aprile 2020 ha deciso di prolungare fino a dicembre 2020 i termini per completare gli adempimenti utili a mantenere il bonus.

Adesso è arrivata una nuova proroga, che manterrà ancora congelate le scadenze per tutto il 2021.

Bonus prima casa: requisiti e scadenze da rispettare

Per poter beneficiare del Bonus, devono essere necessariamente rispettate le seguenti condizioni: 

  • l’immobile che si intende acquistare con il Bonus prima casa deve essere un’abitazione di tipo civile, economico, popolare, ultra popolare, rurale, abitazione in villini o abitazioni e alloggi tipici dei luoghi. Sono escluse quindi le categorie catastali di lusso, cioè A/1, A/8 e A/9;

  • non è possibile beneficiare del bonus se si è già in possesso di un’abitazione acquistata con le agevolazioni per prima casa, a meno che questa venga venduta entro un anno dal nuovo acquisto;

  • è necessario stabilire la propria residenza nel Comune nel quale si acquista l’immobile con le agevolazioni, oppure si dovrà dimostrare di avere la sede di lavoro nello stesso Comune;

  • non si può essere già proprietari di un immobile adibito ad abitazione principale nello stesso Comune nel quale si vuole acquistare la prima casa usufruendo delle agevolazioni;

  • non si può essere titolari di un diritto di usufrutto, abitazione o uso di un altro immobile nel Comune.

Quindi, riassumendo le scadenze, a condizioni normali è indispensabile:

  • vendere l’immobile di cui si è già proprietari entro 12 mesi dal nuovo acquisto;

  • stabilire la residenza nel Comune in cui si compra casa entro i 18 mesi successivi all’acquisto agevolato;

  • non vendere né donare l’abitazione acquistata prima che siano trascorsi 5 anni dal rogito. Se il proprietario aliena il bene prima che sia trascorso tale il termine, può mantenere il bonus solo se riacquista un altro immobile come prima casa entro un anno.

Grazie alla nuova proroga, sarà possibile far fronte a questi requisiti temporali fino al 31 Dicembre 2021: ciò significa che c’è ancora quasi un anno di tempo per effettuare gli adempimenti richiesti!

Infatti, come già anticipato, il Decreto Milleproroghe è intervenuto sul Decreto liquidità andando a posticipare il termine dal 31 Dicembre 2020 al 31 Dicembre 2021.

Dunque il computo dei mesi a disposizione per vendere la “vecchia” prima casa, cambiare la residenza o riacquistare un’abitazione ripartirà dal 1 gennaio 2022.

Quando si tratta di un affare importante come l’acquisto di una casa, è sempre meglio avere al proprio fianco dei professionisti in grado di seguirti nella ricerca dell’immobile adatto, ma anche di illustrare in modo chiaro ogni aspetto legato alla parte più strettamente fiscale e burocratica dell’operazione.

Per un acquisto sicuro e consapevole, l’Agenzia Immobiliare Sogno Casa è la scelta giusta.

Hai bisogno di una consulenza? Saremo lieti di aiutarti, contattaci!

 

©2019 SOGNO CASA di SALVINI MANUELA MARIA CLARA e C. S.A.S. - P.IVA 01292130117
Ruolo Agenti 514 - Iscrizione Società 695